PrestO – il contratto di prestazione occasionale I nuovi voucher INPS

Aboliti i vecchi voucher INPS, è stata introdotta con il DL 50/2017 una nuova normativa a regolare le prestazioni lavorative occasionali.
Innanzitutto è stato fatto uno spartiacque tra le prestazioni occasionali per attività economiche e le prestazioni occasionali per le persone fisiche non nell’esercizio di attività imprenditoriale o professionale:
In questo articolo voglio brevemente trattare la prima forma, ovvero il contratto di prestazione occasionale nelle attività economiche.
Per iniziare a usufruire dello strumento è necessario registrarsi entrambi (datore e prestatore) sulla piattaforma INPS. Attraverso questo strumento sarà quindi possibile effettuare i pagamenti, comunicare l’avvenuto accordo e operare in trasparenza.
Attenzione ai limiti d’importo massimi per il suo utilizzo:
  • 2500 Euro: singolo utilizzatore – singolo prestatore,
  • 5000  Euro: singolo utilizzatore – multipli prestatori
  • 5000 Euro: singolo prestatore – multipli utilizzatori
Attenzione ai limiti per l’utilizzo di tale strumento lavorativo:
  • Il datore di lavoro non deve aver utilizzato nell’anno precedente più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato;
  • Non è utilizzabile nell’edilizia,nell’attività di escavazione o di lavorazione di materiale lapideo, nelle imprese del settore delle miniere, cave e torbiere, nell’ esecuzione di appalti di opere o servizi ed infine nelle attività agricole con eccezione per le attività lavorative rese dai soggetti a rischio di esclusione sociale elencati nel comma 8, art. 54 bis, legge 21 giugno 2017, n. 96 purché non iscritti nell’anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli;
  • Il compenso non può mai essere inferiore a 9 euro l’ora con un minimo di 4 ore giornaliere (limite di 36 ore giornaliere) a cui è necessario aggiungere 33% di INPS gestione separata, 3,5% INAIL e 1% di oneri inps per  la gestione.
  • Il limite massimo di utilizzo è quantificabile in 280 ore annue con alcune eccezioni per il settore agricolo.

Cosa succede se supero i limiti orari o di compenso?
Il rapporto di lavoro si trasforma a tempo pieno e indeterminato (Art. 54 bis c. 20  DL 50/2017).

Vi lascio quindi alla  pagina dedicata dell’INPS
Per qualsiasi dubbio, potete scrivermi nei commenti a seguire.

Una risposta a “PrestO – il contratto di prestazione occasionale I nuovi voucher INPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *